Gli Ecoincentivi per le biciclette spiegati in rete dal Ministero dell’Ambiente

‘è un segnale forte che sta arrivando da più parti. Questo segnale dice che l’Amministrazione dello Stato crede fortemente nell’utilizzo di Internet per lo snellimento e la semplificazione della burocrazia.  E qualche volta rende obbligatorio Internet per la trasmissione di atti, altre volte la riconosce come il veicolo principale di informazione.
I casi sono molti. Uno di questo è l’incentivo per l’acquisto di biciclette.

Il sito del Ministero dell’Ambiente ha rinnovato gli ecoincentivi per bici e moto e ha creato un mini-sito (Aggiornamento: minisito non più online) per spiegarne tutti i dettagli.

L’ultimo Ecoincentivo del 2008 ha esaurito i fondi in poco tempo contribuendo all’acquisto di 20.000 biciclette in 10 giorni .

Si tratta di interventi per la realizzazione di piste ciclabili, attivazione di servizi di bike sharing, realizzazione di parcheggi dedicati rivolti a favorire l’intermodalità tra bici, treno e i mezzi di trasporto pubblico e privato.
Tale iniziativa si inseriscono in un più ampio sistema di politiche di mobilità sostenibile nelle aree urbane, rivolte a promuovere la realizzazione di interventi per la riduzione dell’utilizzo del mezzo privato motorizzato a favore di modalità di trasporto orientate alla salvaguardia dell’ambiente, ed in particolar modo alla riduzione dell’inquinamento atmosferico derivante dal traffico veicolare nelle aree urbane.

Dalla pagina di spiegazioni generali, si puo’ cliccare su ‘Area libera consultazione’ e da qui accedere alla pagina Rivenditori/Costruttori per sapere materialmente a chi rivolgersi per ottenere l’incentivo. Infatti solo rivolgendosi ai rivenditori autorizzati si potrà ottenere un incentivo pari al 30% del suo costo fino a un massimo di 200 Euro o una bicicletta a pedalata assistita con un incentivo pari al 30% del suo costo fino a un massimo di 450 Euro.

Il sito è ampio di spiegazioni, ma addirittura promettono di rispondere ai quesiti posti per email (principalmente attraverso faq automatizzate) ai seguenti indirizzi :
Scrivi al Ministero: IncentiviBiciclette@minambiente.it (Aggiornamento: email non più attiva)
Scrivi ad ANCMA: ancma@ancma.it

Lo Stato è ufficialmente raggiungibile per email. Vi sembra poco ?

Gli Ecoincentivi per le biciclette spiegati in rete dal Ministero dell’Ambiente ultima modifica: 2009-09-22T18:41:28+00:00 da Risparmiainrete

Hai qualcosa da aggiungere ?