Come sospendere online la riscossione Equitalia e chiedere l’annullamento delle cartelle esattoriali

Oggi molti giornali titolano “Sospensione della cartella esattoriale con un clic” .

Non è proprio un clic, anzi è una procedura in diversi passi, ma veramente adesso il contribuente può sospendere in automomia ed online le cartelle esattoriali di Equitalia che non ritiene corrette, le cosiddette cartelle pazze.

Come procedura non è nuova, visto che la sospensione si poteva già richiedere allo sportello o via fax o raccomandata, ma adesso Equitalia ha predisposto la procedura online che consente ai cittadini di inviare la richiesta di sospensione della riscossione comodamente dal proprio computer, senza bisogno di registrazione.

Naturalmente per poter richiedere la sospensione è necessario avere idonea e motivata giustificazione, con prova documentata da inoltrare.

Equitalia individua le seguenti casistiche in cui si può inoltrare l’istanza:

 

  • prescrizione o decadenza del credito, prima della formazione del ruolo;
  • provvedimento di sgravio emesso dall’ente creditore;
  • sospensione amministrativa (dell’ente creditore) o giudiziale;
  • sentenza che abbia annullato in tutto o in parte la pretesa dell’ente creditore;
  • il pagamento effettuato, prima della formazione del ruolo
  • qualsiasi altra causa di non esigibilità del credito

La domanda va inviata entro 90 giorni dalla notifica dell’atto per cui si chiede la sospensione.

Equitalia è un tramite per la riscossione dei crediti richiesti da enti pubblici. Allo stesso modo Equitalia sospende la riscossione ma invia tutta la documentazione all’ente creditore, che in effetti ha richiesto il pagamento e che è tenuto a verificare la correttezza della richiesta.

Se entro 220 giorni dalla presentazione della domanda l’ente creditore non fornisce riscontri, le somme contestate vengono annullate di diritto.

Se avete cartelle esattoriali dubbie, ecco come procedere online alla sospensione delle attività di accertamento:

– munirsi dei documenti necessari :

  • cartella di pagamento e/o altro atto per il quale si vuole chiedere la sospensione;
  • documentazione che giustifica la richiesta di sospensione (es. copia del pagamento, sospensione giudiziale o amministrativa, sentenza favorevole, etc);
  • un documento di identità;
  • dichiarazione sostitutiva di certificazione per le persone giuridiche in cui si dichiara di esserne il legale rappresentante.

Il sistema accetta un unico PDF ! Quindi si deve accorpare la documentazione da produrre in un unico files PDF.

Dal sito internet www.gruppoequitalia.it, in home page è presente il box “Sospendere la riscossione“;

Chiedi la sospensione della cartella Equitalia

Nella pagina successiva in alto a destra cliccare ancora sul link ‘sospendere la riscossione” (o clicca qui).

A questo punto si deve inserire i propri dati anagrafici, o meglio i dati dell’intestatario della cartella esattoriale, e cliccare su -avanti-

Nella pagina successiva si deve inserire il numero della cartella esattoriale, che si trova nel rigo in alto della cartella ricevuta e la data di notifica, ossia la data in cui si è ricevuto l’atto tramite posta o tramite messo notificatore.

Successivamente si deve inserire una scannerizzazione della documentazione.

È indispensabile allegare tutta la documentazione che giustifica la richiesta di sospensione (ad esempio ricevuta di pagamento, copia della sentenza) e copia di un documento di riconoscimento valido.

Una volta inviata e confermata l’istanza, si riceve un riepilogo con i dati inseriti.

Il sistema invia una mail di conferma ‘ordinaria’ e non PEC.  Se si utilizza un indirizzo PEC accertarsi di poter ricevere anche email non certificate.

Come sospendere online la riscossione Equitalia e chiedere l’annullamento delle cartelle esattoriali ultima modifica: 2014-02-06T11:06:52+00:00 da Risparmiainrete

Hai qualcosa da aggiungere ?