Bufale: scoprile subito

Quando nel lontano 2007 è nato questo blog terminavo ogni articolo con la parola “INFORMATEVI” scritto a caratteri grandi .

Come scrissi nell’ “editoriale” di apertura in cui spiegavo il senso ed i propositi di questo sito ad un pubblico ancora ignorante sulle possibilità e l’uso della rete, internet è prima di tutto informazione . Se vuoi risparmiare, o  se semplicemente vuoi conoscere qualcosa, su internet trovi tutte le proposte e le alternative per farti una tua opinione .

Oggi purtroppo non si sa più cosa è informazione e cosa disinformazione .

Come disse Umberto Eco, con toni troppo accesi, senza distinzioni e provocatoriamente, su internet ormai tutti sono liberi di scrivere la propria opinione, senza dare peso se sia un’informazione legittima, corretta, vera .

Non si riesce più a distinguere, specialmente nella condivisione delle notizie su Facebook, cosa sia vero e cosa no .

Il problema più grande è che la disinformazione non è figlia dell’ignoranza o della provocazione, che potrebbe anche essere perdonata, ma con spirito speculativo . Vengono create notizie false ma emozionali, per portare pubblico alla propria pagina facebook o sito e guadagnare .

Solo per spiegarvi le motivazioni alla base di questo comportamento, una pagina facebook con 5000 utenti può vedersi offrire qualche centinaia di euro per scrivere un post vagamente pubblicitario “oggi ho comprato nuove scarpe xxxxxx” .

Quindi facebook ed internet sono piene di bugie e più sono sporche, cattive e incredibili e più fanno guadagnare i suoi creatori .

Chi ci difende dalle bufale

Per fortuna dalle bufale ci si può difendere.

Prima di tutto con un po’ di buon senso .  Leggere le notizie con attenzione spesso è sufficiente per capire che sono bufale.  Ma tanti cliccano, mettono mi piace e peggio condividono senza neanche andare alla fonte del contenuto ma leggendo solo il titolo su facebook .

Se resta il dubbio andare a cercare su google la notizia. Se vera la troverete citata da altre fonti e non solo dal sito che ha messo in giro la bufala .

Se andare a cercare fonti e indizi rivelatori dovesse essere troppo faticoso, per fortuna c’è chi si occupa di sbufalare, di segnalare le notizie false .

  • Bufale.net Segnala le bufale su Facebook
    Il disinformatico Il blog di un celebre informatore che si occupa in particolar modo delle false notizie dei giornali e dei cospirazionisti
  • Butac.it Bufale un tanto al chilo cerca le false informazioni veicolate online, ma anche sui giornali e in televisione
  • Cicap Il Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze (CICAP)

L’app che scova le bufale

Da pochi giorni sto provando un’applicazione per google Chrome di bufale.net .

Installando questa applicazione per chrome (la trovate sul sito ma anche sullo store di google a questo indirizzo) tutte le notizie bufale che incontrate su facebook vengono segnate con un riquadro rosso . Ma l’app funziona anche sui siti web diffusori della bufala.

bufala su facebook

Una bufala su Facebook individuata dall’appa scova bufale .

L’estensione ufficiale di Bufale.net ti permette di riconoscere immediatemente il tipo di notizia che stai leggendo e funziona sia sul sito che l’ha pubblicata sia su Facebook, dove questa viene condivisa.

Non è invasiva, non ha bisogno di impostazioni. Basta installarla su chrome ed inizia subito a fare il suo utile lavoro.

app segnala bufale

Bufale.net oltre alle bufale segnala la disinformazione, le truffe, le notizie acchiappaclick secondo un semaforo colorato che distingue il tipo di notizia da cui stare attenti .

Vi consiglio di usare questa applicazione.

Bufale: scoprile subito ultima modifica: 2016-11-14T08:22:24+00:00 da Risparmiainrete

Hai qualcosa da aggiungere ?