Nuovi bollettini PagoPA

Stiamo entrando in una nuova fase per i pagamenti verso la pubblica amministrazione. Il sistema PagoPA sta entrando in funzione a pieno regime e presto tutti conosceranno i nuovi bollettini di pagamento.

Intanto la pubblica amministrazione abbandona il modello Rav che siamo abituati a conoscere e che ha permesso nel solo 2018 15 milioni i pagamenti (il 90% delle transazioni).

Il modello RAV è stato sostituito dai bollettini PagoPa. I bollettini Rav già ricevuti potranno continuare a essere utilizzati per il pagamento.

PagoPA é un sistema di pagamenti elettronici realizzato per rendere più semplice, sicuro e trasparente qualsiasi pagamento verso la Pubblica Amministrazione.

Dove pagare con PagoPA

PagoPA non è un sito dove pagare, ma una nuova modalità di trasmissione dei pagamenti digitali con cui si possono effettuare i pagamenti direttamente sul sito o sull’app dell’Ente (il tuo comune, ad esempio) o attraverso i canali (online e fisici) di banche e altri Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP), ovvero:

  • Presso le agenzie della tua banca
  • Utilizzando l’home banking del tuo PSP (cerca i loghi CBILL o pagoPA)
  • Presso gli sportelli ATM della tua banca (se abilitati)
  • Presso i punti vendita di SISAL, Lottomatica e Banca 5
  • Presso gli Uffici Postali.

La Amministrazioni pubbliche sono obbligate per legge ad adottare il sistema PagoPa, che comunque è aperto all’utilizzo anche per altri Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP).

PagoPA ti permette di pagare tributi, tasse, utenze, rette, quote associative, bolli e qualsiasi altro tipo di pagamento verso le Pubbliche Amministrazioni centrali e locali, ma anche verso altri soggetti, come le aziende a partecipazione pubblica, le scuole, le università, le ASL.

I bollettini PagoPA

bollettino PagoPA

Il modulo pagoPA, rispetto al precedente bollettino Rav, ha una nuova veste grafica che ne favorisce anche una migliore lettura da parte dell’utente. Contiene le informazioni relative al destinatario, l’importo, il codice fiscale, l’oggetto del pagamento e la scadenza. Il nuovo Modulo contiene il «Codice modulo di pagamento» di 18 cifre (oppure il numero della cartella/avviso di pagamento) che consente di tracciare le operazioni che transitano sul sistema

Il modulo di pagamento pagoPA è facilmente riconoscibile dal logo «pagoPA» e contiene due sezioni da utilizzare alternativamente in base al canale di pagamento scelto: una per «Banche e altri canali», con un QR code e un codice CBILL; l’altra per i pagamenti presso «Poste Italiane», caratterizzata dal riquadro Data Matrix.

L’elemento essenziale è costituito dal codice modulo di pagamento di 18 cifre che, come per il modello RAV, è il vero identificatore del pagamento effettuato e consente il collegamento di quanto versato alla cartella da pagare o all’atto ricevuto.

Il modulo è stampato in modalità fronte/retro utilizzabile sia per il pagamento in unica soluzione sia per il versamento in più rate in base allo specifico documento a cui sarà allegato (cartella o rateizzazione).

Il QR code e il Data Matrix rendono ancora più semplice il pagamento con smartphone e tablet tramite app: basta inquadrarli (sul modulo sono i codici rappresentati da un codice a barre quadrato) e il sistema identifica subito il relativo versamento da effettuare. Molto probabilmente tutti i sistemi home banking tramite APP provvederanno ad un aggiornamento per il riconoscimento del QR Code per un pagamento rapido e privo di errori.

Dopo aver terminato le operazioni di pagamento si ha in tempo reale l’attestazione dell’avvenuto pagamento, con la Pubblica amministrazione che chiude automaticamente la posizione debitoria aperta.

Come con il bollettino Rav, si può pagare online oppure presso Poste, banche, tabaccherie e tutti gli altri canali aderenti al nodo pagoPa, portando con sé il modulo di pagamento inserito in cartella.

Nuovi bollettini PagoPA ultima modifica: 2019-10-09T18:19:37+02:00 da Risparmiainrete

Hai qualcosa da aggiungere ?

Utilizziamo i tuoi dati solo per poter pubblicare il tuo commento.Leggi la pagina della privacy policy per sapere come proteggiamo i dati che inserisci per commentare. I commenti sono protetti da spam da Akismet. Leggi la privacy policy di Akismet per sapere come trattano i tuoi dati.