Cosa è la parentela

La parentela è un vincolo tra le persone che discendono da uno stesso stipite (art. 74 codice civile).

La parentela si dice diretta o in linea retta quando le persone discendono l’una dall’altra (per esempio padre e figlio), si dice indiretta o in linea collaterale quando le persone non discendono l’una dall’altra, pur avendo un antenato in comune (per esempio fratelli o cugini).
TITOLO V
DELLA PARENTELA E DELL’AFFINITA’
Art. 74 Parentela
La parentela è il vincolo tra le persone che discendono da uno stesso stipite.
Art. 75 Linee della parentela
Sono parenti in linea retta le persone di cui l’una discende dall’altra; in linea collaterale quelle che, pur avendo uno stipite comune, non discendono l’una dall’altra.
Nella linea retta si computano altrettanti gradi quante sono le generazioni, escluso lo stipite.
Nella linea collaterale i gradi si computano dalle generazioni, salendo da uno dei parenti fino allo stipite comune e da questo discendendo all’altro parente, sempre restando escluso lo stipite.
Art. 77 Limite della parentela
La legge non riconosce il vincolo di parentela oltre il sesto grado (572), salvo che per alcuni effetti specialmente determinati.
Art. 78 Affinità
L’affinità è il vincolo tra un coniuge e i parenti dell’altro coniuge.
Nella linea e nel grado in cui taluno è parente d’uno dei due coniugi, egli è affine dell’altro coniuge.
L’affinità non cessa per la morte, anche senza prole, del coniuge da cui deriva, salvo che per alcuni effetti specialmente determinati (434). Cessa se il matrimonio è dichiarato nullo, salvi gli effetti di cui all’art. 87, n. 4.
Cosa è la parentela ultima modifica: 2015-11-04T21:59:46+00:00 da Risparmiainrete