F24 solo online . Restano cartacei sotto i 1000 euro o con compensazione

F24 solo onlineSe i cittadini italiani ancora tentennano a servirsi di internet per i loro adempimenti burocratici e per i pagamenti, ci pensa la Legge ad accellerare i tempi obbligando i cittadini ad utilizzare la comunicazione telematica.

Finora l’adempimento online obbligatorio era stato riservato alle società o comunque ai soggetti dotati di partita IVA. Da oggi tutti i cittadini, privati e senza partita IVA, sono chiamati a servirsi del pagamento online dell’ F24, per gli importi superiori a 1.000 euro.

Lo prevede il Dl 66/2014, convertito dalla legge 89/2014, il cosiddetto «decreto Irpef»

Non solo per i versamenti superiori a 1.000 euro, ma anche per gli F24 con compensazione, con scambio di crediti e debiti con il Fisco.

Ci saranno meno carte e probabilmente risparmio per lo Stato sui costi di riscossione e sui tempi di gestione dei pagamenti. Il cittadino è chiamato a dotarsi di un conto corrente online ed in alcuni casi di un profilo di accesso al portale dell’Agenzia delle entrate.

I termini di versamento sono uguali a quelli previsti per i pagamenti effettuati con i mezzi tradizionali, con il vantaggio che la richiesta può essere  trasmessa in anticipo, ma l’addebito effettivo sul conto corrente è eseguito solo alla data effettiva di scadenza del versamento indicata dal contribuente.

Inoltre in caso di errore è possibile richiedere l’annullamento dei pagamenti F24 telematici fino al penultimo giorno lavorativo antecedente la data di versamento indicata nell’F24.

F24 Telematico

Dal 1° ottobre 2014, i versamenti eseguiti con il modello F24 dovranno essere effettuati, sia dai contribuenti senza partita Iva, sia dai contribuenti con partita Iva, esercenti imprese, arti e professioni compresi:

– esclusivamente tramite i servizi telematici dell’agenzia delle Entrate (F24 web, F24 online e F24 cumulativo) nel caso in cui, per effetto delle compensazioni eseguite, il saldo finale sia di importo pari a zero;

– esclusivamente tramite i servizi telematici dell’agenzia delle Entrate o degli intermediari della riscossione convenzionati con le Entrate, cioè Banche, Poste italiane o agenti della riscossione, nel caso in cui siano effettuate compensazioni e il saldo finale sia di importo positivo;

– esclusivamente tramite i servizi telematici dell’agenzia delle Entrate o degli intermediari della riscossione convenzionati con le Entrate, nel caso in cui il saldo finale sia di importo superiore a mille euro.

F24 cartaceo

Il modello F24 su carta, con presentazione della delega presso le banche, Poste italiane o agenti della riscossione, potrà invece essere effettuato solo dai contribuenti non titolari di partita Iva per eseguire pagamenti, senza compensazioni, per importi fino a mille euro.

Per l’agenzia delle Entrate, come chiarito nella circolare 27/E del 19 settembre 2014, si potrà ancora usare il modello F24 cartaceo:

– in caso di modello F24 precompilato dall’ente impositore, di qualsiasi importo, a condizione che non siano indicati crediti in compensazione;

– dai contribuenti che stanno versando a rate tributi e/o contributi (ma solo fino al 31 dicembre 2014) di qualsiasi importo e anche in caso di utilizzo di crediti in compensazione (pure con saldo pari a zero);

– dai contribuenti che beneficiano di agevolazioni fiscali riconosciute sotto forma di crediti d’imposta, utilizzabili in compensazione esclusivamente presso gli agenti della riscossione.

Il servizio gratuito “F24 Web” dell’Agenzia delle Entrate consente ai contribuenti di compilare e trasmettere il modello di versamento F24 direttamente, cioè senza la necessità di scaricare sul proprio computer alcun software.

Per utilizzare F24 Web è necessario registrarsi all’AdE ed avere il codice Pin di accesso; il pagamento viene effettuato tramite un “ordine di addebito” a beneficio dell’Agenzia sul conto corrente bancario o postale del contribuente; non è possibile pagare con carta di credito.

Con l’obbligo di legge alcuni cittadini saranno scontenti e magari in difficoltà a non poter più utilizzare l’aiuto del cassiere della banca o della posta. Ma nella maggior parte dei casi, una volta presa confidenza con il nuovo strumento, molti dovranno ammettere che non è eccessivamente complicato e domandarsi come mai non abbiano effettuato prima i pagamenti degli F24 online, vista la comodità di poterlo fare da casa, senza fare fila con gli intermediari.

F24 solo online . Restano cartacei sotto i 1000 euro o con compensazione ultima modifica: 2014-10-01T12:54:39+00:00 da Risparmiainrete

Hai qualcosa da aggiungere ?